Già in corso in Francia uno studio su 80 pazienti con vitiligine trattati con Apremilast


OTEZLA nome commerciale di APREMILAST mato per la psoriasi e ora testato per la vitiligine

Se dopo l’articolo di ieri (clicca qui per leggerlo) si arriva a lasciarmi sui gruppi Facebook che parlano di vitiligine i numeri di telefono con richieste accorate di informazioni, sento come obbligo, anche alla vigilia di Natale, di mettermi al pc a scrivere questo brevissimo pezzo di precisazioni che contiene però un’ulteriore, importante notizia. 

Apremilast è già in vendita. Ma non per la vitiligine

Come si legge nell’articolo di ieri,  Apremilast (in Italia commercializzato come Otezla®) è già in vendita  in tutto il mondo, ma non come farmaco per la vitiligine.  Può essere prescritto solo da un medico per la cura della psoriasi, patologia per la quale è stato progettato. 

Ieri abbiamo pubblicato lo studio americano sugli effetti di somministrazione di Apremilast su una sola persona con vitiligine ventennale precisando però che i risultati ottenuti, per avere valenza scientifica, devono essere confermati su un numero di pazienti ben più ampio. 

Apremilast è un farmaco progettato per la psoriasi ora testato anche per la cura della vitiligine
L’azione di Apremilast: abbattere in modalità intracellulare le citochine proinfiammatorie promuovendo la presenza della citochina antiinfiammatoria IL 10

In Francia lo stanno sperimentando su 80 pazienti

Dopo l’articolo di ieri ho inviato una mail all’Università di Toledo presso la quale è stata condotta la ricerca per richiedere altre foto, magari più nitide, perché qualcuno ha fatto notare come nell’immagine post-trattamento si intraveda ancora la discromia. Personalmente credo che quell’alone più chiaro nell’area precedentemente vitiligoidea sia l’effetto di una ripresa di attività melanocitica da consolidare con esposizioni. Neo attività melanocitica credo indubbia trattandosi di uno studio universitario, anche se è bene non mettere mai la mano sul fuoco.

Così, mentre ero alla ricerca di ulteriori “prove” da pubblicare  ho scoperto che sull’efficacia di Apremilast nella vitiligine è già in corso uno studio in fase II presso il Dipartimento di dermatologia dell’Ospedale universitario di Nizza (Francia). 

Lo studio è partito a marzo 2017 e si concluderà a marzo 2019. Sono stati reclutati 80 pazienti tra quelli in cura presso il suddetto Dipartimento con vitiligine stabile o lentamente progressiva non segmentaria e con una diffusione superiore al 10% della superficie cutanea totale

Ciascun paziente sta assumendo giornalmente due compresse di Apremilast e due volte la settimana riceve un trattamento con lampade UVB. 

Quindi, per quanto riguarda Apremilast non ci resta che aspettare i risultati della ricerca francese che appena disponibili pubblicherò qui in tempo reale. 

Alla prossima e, di nuovo, Buon Natale. 

 

Ti piace questo Blog? Vuoi sostenerlo? Cerca il tasto “DONAZIONE” a fianco o in fondo a questa pagina. Grazie  
[give_form id=”1612″]


Like it? Share with your friends!

91 shares

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *